NADH Nicotinammide Adenina Dinucleotide e Alzheimer

0

NADH ( nicotinammide adenina dinucleotide ) un possibile coadiuvante terapeutico per il morbo di Alzheimer

NAD oxidation reduction NADH

Il NADH ( nicotinammide adenina dinucleotide ) è un coenzima ( Coenzima 1 ) che rappresenta la forma attiva della vitamina B3, il NADH è presente In tutte le cellule viventi e svolge un azione antiossidante, ma il suo compito principale è la produzione di energia biochimica.
All’interno dei mitocondri, infatti, il NADH viene ossidato in NAD+, con liberazione di energia; questa viene immagazzinata come adenosina trifosfato, o ATP (1 NADH = 3 ATP), l’unica forma di energia direttamente fruibile dal nostro organismo, essenziale per qualsiasi reazione biochimica.
Le cellule a più elevato consumo energetico sono il cuore, i muscoli e il cervello che consuma un terzo dell’energia disponibile, non a caso un calo di energia si percepisce come una diminuita attenzione perché il cervello è il primo a risentirne, quanto più NADH è disponibile, tanta più energia viene prodotta, e quanta più energia è necessaria alle cellule, tanto più NADH viene sintetizzato.
Il NADH si trova nella carne rossa (2.5 mg per chilo), nella carne di pollo, nel pesce e nel lievito ma poiché la cottura dei cibi e il processo digestivo degradano gran parte del NADH contenuto negli alimenti, un supplemento di NADH (attraverso il consumo abituale di lievito o di un integratore alimentare) può essere utile per incrementarne l’abituale assunzione.
Se usato come coadiuvante terapeutico la dose media consigliata è di 10 mg al giorno, da assumere la mattina 30 minuti prima della colazione, l’assunzione deve avvenire sempre sotto stretto controllo medico.

http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/15134388
Trattamento della malattia di Alzheimer con forma stabilizzata di nicotinammide adenina dinucleotide orale: studio randomizzato, in doppio cieco.
Questo studio è stato eseguito per valutare l’effetto della forma orale stabilizzata nicotinammide adenina dinucleotide (NADH) sul funzionamento cognitivo nei pazienti con malattia di Alzheimer (AD).
NADH è un coenzima che svolge un ruolo chiave nella produzione di energia cellulare e stimola la produzione di dopamina. In studi precedenti NADH ha dimostrato di migliorare il funzionamento cognitivo nei pazienti con malattia di Parkinson, con depressione e con morbo di Alzheimer.
Il presente trial è uno studio randomizzato, controllato con placebo, coppie asociate, in doppio cieco, della durata di 6 mesi. I pazienti con probabile AD (n = 26) sono stati randomizzati per ricevere NADH orale stabilizzato (10 mg / die) o placebo. Dodici coppie di soggetti sono stati abbinati per età e basale punteggio totale sulla Mattis Dementia Rating Scale (MDRS) e il Mini Mental State Examination.
Dopo 6 mesi di trattamento, i soggetti trattati con NADH non hanno mostrato alcuna evidenza di deterioramento cognitivo progressivo e hanno ottenuto punteggi significativamente più alti sulla MDRS rispetto ai soggetti trattati con placebo (p <0.05).
le analisi delle sottoscale MDRS rivelate hanno mostrato prestazioni significativamente migliori nei soggetti NADH sulle misure di fluenza verbale (p = 0,019), capacità visuali-costruttive (p = 0.038) e un trend (p = 0,08) di migliori prestazioni su una misura di ragionamento verbale astratto.
Non ci sono state differenze tra i gruppi nelle misure di attenzione, memoria, o nelle valutazioni cliniche su gravità della demenza (Clinical Dementia Rating).
In accordo con studi precedenti, i risultati attuali supportano NADH come trattamento per la malattia di Alzheimer.

Share.

Leave A Reply