Folding@Home aiutare la ricerca sull’Alzheimer col cellulare

0

Folding@Home un progetto innovativo per aiutare la ricerca anche grazie al proprio computer, smartphone o tablet Xperia

Folding@Home

Sony abbraccia un progetto innovativo chiamato Folding@Home dando la possibilità a chi possiede uno smartphone o un tablet Xperia di aiutare gli scienziati della Stanford University a studiare la malattia di Alzheimer, La malattia di Huntington, il morbo di Parkinson, il cancro e le malattie infettive semplicemente scaricando dal play store una piccola App.
Cerchiamo di spiegare meglio cosa è Folding@Home e come funziona: Folding@Home è un programma di simulazione scientifica che si avvale delle capacità di elaborazione combinata di computer, e recentemente anche degli smartphone e tablet, questo innovativo programma utilizza il calcolo distribuito da migliaia di dispositivi per simulare e studiare diversi fenomeni, quali il ripiegamento delle proteine, la progettazione di farmaci e altri tipi di dinamiche molecolari può essere utilizzato su tutti i smartphone e tablet Xperia con Android 4.4 (Kitkat) o versioni superiori, una volta scaricata l’App sul proprio dispositivo dal play store quando il nostro smartphone o tablet sarà attaccato ad un caricabatterie con batteria carica al (100%) e connesso ad una rete Wi-Fi in un intervallo di tempo che potremmo selezionare nell’applicazione “magari durante la notte mentre dormiamo”, la potenza di elaborazione del nostro smartphone / tablet sarà donata alla scienza, un’aiuto concreto, senza costi, in quanto funziona solo se si è collegati alla rete wifi e senza impattare sulla batteria, dato che i dati vengono elaborati solo quando il cellulare è connesso alla rete interna e collegato all’alimentazione, per chi non possiede uno smartphone o tablet Xperia ma vuole contribuire alla ricerca può farlo scaricando l’applicazione per computer cosi da dare modo agli scienziati della Stanford University di utilizzare la potenza di calcolo inutilizzata del proprio PC a favore della ricerca.

Share.

Leave A Reply